Semplificazione dei processi e digitalizzazione

La semplificazione sistematica e la digitalizzazione integrale dei processi dell’UDSC sono iniziate formalmente il 1° gennaio 2018 con il lancio del programma e si concluderanno a fine 2026.

Teaser EETS2

Primi risultati

Nei primi quattro anni del programma DaziT, l’UDSC ha messo in esercizio circa 20 app, applicazioni e servizi informatici di base.

Le nuove app per smartphone consentono di effettuare imposizioni digitali nel traffico turistico privato (QuickZoll), di versare la tassa forfettaria sul traffico pesante in maniera mobile (Via, premiata come migliore app svizzera del 2019) nonché di attivare automaticamente le dichiarazioni doganali al passaggio del confine (Activ e Periodic). Inoltre, grazie ad app interne i collaboratori dell’UDSC possono eseguire controlli più efficaci, riscuotere le entrate in maniera mobile o annunciare tramite smartphone l’inizio e la fine del proprio servizio. In tal modo la sicurezza e l’efficacia degli impieghi aumentano notevolmente.

I servizi digitali dell’UDSC vengono messi a disposizione progressivamente sulla pagina dell’ePortal. La registrazione e la gestione degli utenti avvengono secondo il principio dellʼautogestione (selfcare) – ovunque e in qualsiasi momento. Grazie a DaziT, i dati di base vengono ora gestiti in una piattaforma centrale (SAP MDG): si tratta di un importante lavoro preliminare per il rinnovo a livello federale dei sistemi SAP (Programm Superb). 

Nel traffico delle merci commerciali sono stati implementati i primi elementi del nuovo sistema per il traffico delle merci Passar. Le applicazioni E-Begleitdokument ed E-Com nonché Chartera Output permettono l’interazione senza contatto con la dogana. Dall’autunno 2021, l’UDSC ha iniziato a testare come prima autorità doganale in Europa l’impiego della telematica per un’attivazione completamente automatizzata delle dichiarazioni doganali al confine, utilizzando a tale proposito le interfacce già esistenti dei sistemi di gestione della flotta.

Anche la digitalizzazione della riscossione dei tributi sta avanzando. Con Biera l’imposizione sulla birra è quasi interamente digitalizzata. L’integrazione nel servizio europeo di telepedaggio SET rappresenta il primo passo verso il rinnovo integrale del sistema di rilevazione della TTPCP. La progressiva automatizzazione della riscossione delle tasse sulla circolazione contribuisce in modo significativo all’accelerazione del passaggio del confine.

L’analisi dei rischi migliora grazie alla partecipazione al sistema di controllo all’importazione 2 (Import Control System 2). Con l’introduzione di questo sistema nel traffico postale, i dati doganali relativi al commercio online vengono trasmessi già al momento dell’invio da Stati terzi.

 

pi-planning

Attuazione agile

Nel quadro dell’attuazione del programma DaziT, l’UDSC utilizza sempre metodi agili. Dall’estate 2019, viene applicato il modello quadro SAFe per il coordinamento globale. In tale ambito, nel messaggio speciale DaziT del 2017 ogni progetto descritto è stato assegnato a un value stream.

All’interno di questi value stream gli specialisti definiscono il fabbisogno dal punto di vista dell’utente (cosiddetti epic). L’assegnazione delle priorità avviene nel portafoglio UDSC e l’attuazione viene effettuata infine nel cosiddetto Agile Release Train (ART). L’ART «Acziun» (romancio per movimento), ovvero la «fabbrica dei software» di DaziT, attualmente è costituita da 14 teams che si ritrovano ogni dieci settimane per un evento di pianificazione della durata di due giorni, il Program Increment Planning (PI Planning).

I cinque value streams dell'UDSC

Porta d'ingresso con camion in riflessione

Prospettive

Tra il 2022 e il 2025 verranno messe in funzione le applicazioni principali, tra cui:

  • il nuovo sistema per il traffico delle merci Passar che sostituisce NCTS ed e-dec/e-dec web (2023/2025)
  • il nuovo sistema di controllo dei confini, che comprenderà gli ulteriori sviluppi di Schengen/Dublino (2022/2023)
  • il nuovo sistema di rapporto uniforme (2024) 
  • il sistema di rilevamento TTPCP di nuova generazione per autocarri svizzeri (2024). 
dazit-wirtschaft2

Coordinamento con partner e gruppi di riferimento

La corretta attuazione di DaziT richiede uno stretto coordinamento con partner nazionali e internazionali. Attualmente sono in corso colloqui con le amministrazioni doganali dei Paesi confinanti nonché con le autorità europee, al fine di consentire un passaggio del confine più semplice, rapido e soprattutto senza discontinuità dei sistemi di trasmissione. Al centro dell’attenzione è posta la creazione di un «BorderTicket» digitale. Lo scambio con le ditte e le associazioni economiche avviene all’interno del «gruppo d’accompagnamento per l’economia» e in vari gruppi di lavoro. Anche i Cantoni e le organizzazioni di sicurezza vengono informati regolarmente.

https://www.bazg.admin.ch/content/bazg/it/home/temi/dazit/vereinfachung-und-digitalisierung.html