Armi e munizioni

Per importare, esportare o far transitare armi o munizioni, occorre dichiararle e presentarle presso un ufficio doganale. Lo stesso vale per i rispettivi accessori e parti.

L'ufficio doganale controlla se l'arma soggiace alla legislazione sulle armi, sul materiale bellico o sul controllo dei beni a duplice impiego. Ciò dipende dal genere di arma, dal Paese d'origine o di destinazione nonché dalla direzione del traffico (importazione, esportazione, transito). Nella colonna a destra sono disponibili i link alle disposizioni. Se necessario, occorre richiedere un'autorizzazione. In alcuni casi può esservi anche un divieto.

L'assoggettamento all'obbligo di autorizzazione è desumibile dalla tariffa doganale Tares (à "Mostra dettagli") nella rispettiva voce di tariffa con l'annotazione "UCA", "SECO-ESIG" o "SECO-ESRG".

Poiché le armi e le munizioni sono disciplinate in tre basi legali differenti, la decisione sull'obbligo di autorizzazione o su eventuali eccezioni spetta a diversi uffici.

Uffici emittenti

(vedi link)
Ufficio federale di polizia (fedpol)
Ufficio centrale armi
3003 Berna

Segreteria di Stato dell'economia SECO
Controlli delle esportazioni di beni industriali (ESIG)
3003 Berna

Segreteria di Stato dell'economia SECO
Controlli delle esportazioni di armamenti (ESRG)
3003 Berna

Definizione

I promemoria disponibili sul sito Internet dell'Ufficio federale di polizia (fedpol) forniscono informazioni su armi e munizioni (vedi link).

https://www.bazg.admin.ch/content/bazg/it/home/informationen-firmen/verbote-beschraenkungen-und-auflagen/sicherheit/waffen-und-munition.html