Agilità

Nel quadro dell’attuazione del programma DaziT, l’UDSC ricorre sempre a metodi agili. Dall’estate del 2019 viene impiegato il modello quadro SAFe per il coordinamento globale.


5

I progetti descritti nel messaggio speciale DaziT del 2017 sono stati assegnati a un value stream (flussi di valore). In questi flussi di valore i rappresentanti degli specialisti definiscono i fabbisogni dal punto di vista degli utenti e li descrivono ai team di sviluppatori.


2

Lo sviluppo di nuove soluzioni digitali avviene in due Agile Release Trains (ART): l’ART «Acziun» (romancio per «movimento») per i nuovi sviluppi, l’ART «Curir» (romancio per «correre») per l’esercizio e l’ulteriore sviluppo delle applicazioni legacy.


22

Attualmente entrambi gli ART sono composti da 22 team (13 per Acziun e 9 per Curir). Complessivamente si tratta di circa 200 persone: scrum master, sviluppatori, architetti, tester, product owner e molti altri.


18

I team ART si incontrano ogni dieci settimane per un evento di pianificazione della durata di due giorni: il Program Increment Planning (PI Planning). Finora, ossia fino alla metà del programma DaziT, si sono svolti 18 PI-Planning.


48

Dal 2019 l’UDSC ha organizzato 48 corsi interni relativi a SAFe e ai relativi ruoli SAFe, al fine di abilitare i collaboratori allo sviluppo agile di DaziT. 


1'000

Entrambi gli ART hanno già attuato circa 1'000 feature (servizi) ed enabler (funzionalità).


200'000

Le nuove funzionalità sono state sottoposte a più di 200'000 test (di sistema, di integrazione di sistema e di accettazione).


Stato: 30.06.2022